Scrittori in divisa. Commedie, bozzetti militari e racconti distopici (1864-1872)

Duccio Tongiorgi

Abstract


Scrisse D’Ovidio di essersi stupito, dopo aver letto i Bozzetti militari di De Amicis: «parve mirabile che un uffiziale di fanteria trovasse il tempo, tra [...] i picchetti, e la corvée, di scrivere cose sì belle». In realtà tra anni Sessanta e l’inizio del decennio successivo, in un periodo segnato drammaticamente dalle sconfitte della Terza guerra di indipendenza, non sono pochi gli scrittori in divisa, per quanto certo meno capaci di De Amicis. Il saggio prende in considerazione alcuni casi significativi, e si sofferma soprattutto su due vicende che suscitarono molto clamore, chiamate in causa persino nel dibattito parlamentare: un racconto distopico, Il guardiano di spiaggia, commissionato dal Ministero della Marina, che narra le tremende sventure militari e politiche dell’Italia, colpevole di non aver rafforzato le sue difese marittime, e un altro racconto, stavolta più vicino agli ambienti dell’Esercito, che invece immagina la stessa guerra futura, ma vittoriosa per la nazione grazie alla forza nelle battaglie campali.


Parole chiave


De Amicis; distopie; Letteratura dell'Italia unita; bozzetti militari

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.1721-4777/10829

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2020 Duccio Tongiorgi

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.